Degustazione verticale di Barbaresco Gallina di Ugo Lequio: 2 annate
luglio 31, 2018
TrentoDoc sulle Dolomiti
agosto 12, 2018

Degustazione verticale di Merlot: doppio Galatrona Petrolo con Sansonina

Eccoci con un’interessantissima degustazione di Merlot! Due annate di Galatrona della Fattoria di Petrolo, un grande Merlot Toscano, fra i top in Italia, con l’aggiunta di un Sansonina, un Merlot veneto che già conosciamo e sappiamo avere un gran potenziale. Vediamo come è andata

Il primo vino che degustiamo è il Sansonina 2004 La Sansonina. Si apre intrigante evoluto, con note erbacee essiccate, fruttate dolci di marmellata, di frutti di bosco, e speziatura fine. Lievi tostatura e pellame, poi caffè. Gran complessità. Al palato è intenso e armonico, di ottima struttura. La freschezza non manca ed il tannino è levigato e ancora muscoloso. Bella persistenza con ritorno freschissimo, quasi agrumato e amaricante. Ricorda la scorza di arancia ricoperta di cioccolato. Al riassaggio, da subito, profuma di caramelle al cappuccino. Poi tantissime spezie, con tutte le sfumature di pepe. Floreale essiccato e fruttato stramaturo. Anche in bocca si conferma un gran bel vino. Col tempo è migliorato ed ha una beva fantastica. È ricco e intenso, asciutto e gustoso. Molto lungo, torna tutto, in una piacevole scia. Un Merlot del Veneto che non ha minimamente sfigurato a fianco del colosso di Petrolo.
Passiamo alla mini verticale di Galatrona, con il 2008. Gran bel naso, giovane giovane, ma elegante e con tante sfumature. Tanta frutta matura su sfondo speziato fine ed erbaceo essiccato, fieno. Balsamico mentolato e leggermente minerale, grafite, poi succo di mirtilli. Al palato è molto buono, gustoso e di grande struttura. Le sensazioni sono ancora molto potenti ed in bell’equilibrio, nessuna emerge sulle altre e donano una persistenza fantastica. Grande armonia, torna tutto e anche di più e lascia la bocca bella asciutta. Al secondo giro l’abbiamo lasciato per ultimo, infatti è il vincitore secondo noi. Profumi suadenti e finissimi, che eleganza! Oltre agli aromi già citati escono bene note di cioccolato al latte. La frutta domina, ma è contornata da una moltitudine di sentori, è veramente complesso e sfumato. Anche erbe aromatiche, macchia mediterranea. Tutto questo ben di dio si conferma anche in bocca, probabilmente il miglior Merlot che abbiamo mai provato. Un mix di opposti, grande morbidezza a contrasto di elevata sapidità e acidità agrumata. Tannino intenso con lievissimo ritorno amaricante, perfettamente accompagnato dalla sensazione pseudo dolce da frutto maturo. In realtà il vino è asciuttissimo. Un grandissimo Merlot, di beva super e lunghissima persistenza. Top!
Terzo ed ultimo Merlot, Galatrona 2001! Al naso è intrigante, con una buona evoluzione, ma non terziarizzato. Tanta frutta con tendenza dolce. Sfumature tostate e prugne disidratate. Lievi note erbacee e speziatura pepata. In bocca è armonico e di ottima struttura. Ci conferma ciò che già avevamo intuito al naso: è molto fruttato con tendenza dolce. Ricco e gustoso, ha ancora buona freschezza, la sapidità non manca e il tannino e levigato e avvolgente. Comunque un signor Merlot, persistente, solo in ultimo emerge appena il ruvidino del tannino. Al secondo giro si sente che c’è tanta sostanza e l’uva è maturata molto. Frutta concentrata e lieve etereo, inchiostro e grafite con florealità di sfondo. La conferma viene anche dal palato, è molto buono, intenso e corposo, ma tutta questa sostanza fa perdere un poco di finezza. Infatti non chiude al top, è un vino costoso e noi cerchiamo il pelo sull’uovo.

 

Degustazione verticale di Merlot: doppio Galatrona Petrolo con Sansonina on agosto 8, 2018 rated 4.5 of 5
ultima modifica: 2018-08-08T12:51:34+00:00

Lascia un commento

If you want to leave a review, please Login or Register first.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *