Degustazione cieca di Barbera piemontese
Marzo 9, 2015
Vini a confronto: Granato Foradori vs. Siepi Castello di Fonterutoli Mazzei
Marzo 27, 2015

Degustazione Verticale di Lagrein riserva Abtei di Muri-Gries

Questa ottima degustazione di Lagrein è il primo evento aperto al pubblico che abbiamo organizzato tramite il nostro blog. Ci siamo trovati in una dozzina di appassionati del buon vino, per poterci confrontare su questo grande vitigno autoctono dell’Alto-Adige. Siamo partiti da un vino base per avvinare sia i bicchieri, che il palato. Per poi passare alla degustazione vera e propria, composta da quattro magnum di Lagrein riserva Abtei della cantina Muri-Gries. Annate dalla 2002 alla 1999, per poi concludere con una bottiglia del 1997.

Vediamo come si sono comportati questi “vecchietti”.

Il primo, per avvinare, è il Lagrein 2013 della cantina di Terlano. Vino tipico, molto giovane e vinoso. Fruttato, soprattutto ribes. Naso molto piacione e semplice con sfumature speziate. Al palato dimostra buona beva, con acidità e tannino ben equilibrati. Torna tanta frutta.

Ed ora parliamo dei riserva. Il primo in degustazione è il 2002. Si presenta rubino cupo. Escono note di speziatura dolce, soprattutto vaniglia a bicchiere fermo. Mosso esce bene un aroma erbaceo secco, tipo the verde e malva. Poi note fruttate di mirtilli disidratati. Cacao amaro e sfumature di tabacco. Anche caramelle al caffè. In bocca entra intenso. Grande armonia. Morbido e avvolgente, con una bella vena tannica. Buona la persistenza anche se alla fine lascia un retrogusto piuttosto amaro.

Passiamo al 2001. Stesso colore rubino cupo del precedente, ma ha aromi più evoluti. Spiccano da subito note terziarie animali di carne macerata. Non c’è grande complessità inizialmente, poi si è aperto molto. Spezie e cacao amaro. Note erbacee di fieno. Percepiamo anche sfumature di sottobosco, funghi. Ricordi di datteri. In bocca è molto elegante. Grande morbidezza che lascia la bocca vellutata. Il tannino è finissimo e ben integrato. Anche l’acidità è ancora ben presente, ma ben bilanciata. Torna tanto il cacao. Lunga la persistenza.

Terzo vino, annata 2000. È il solito rubino cupo, identico ai precedenti. Ha profumi complessi e stratificati. Molto elegante e fine. Spezie, pepe, chiodi di garofano e liquirizia. Fruttato, frutti di bosco macerati e prugna. Tabacco e note erbacee secche e sentori che ricordano il cioccolato. Al palato entra morbido e intenso. Grande armonia, torna bene tutto. Ha un bel tannino integrato e l’acidità di un giovanotto. Grandissima struttura e beva eccellente. È sicuramente superiore ai precedenti. Alla fine è risultato, secondo noi, il migliore della batteria, figlio di una grande annata.

Ultimo magnum, annata 1999. Si presenta rubino molto cupo, ha più carica di colore dei vini precedenti. A primo impatto escono note tostate e affumicate date dal legno. Un sentore che ricorda la legna bruciata e la cenere. Poi note vegetali secche. Frutta a bacca nera e note terziarie di pellame. Aromi di spezie stratificati e un tocco di ciliegia a chiudere. In bocca ha buon equilibrio e armonia, tornano tanto la tostatura del legno e le spezie. È morbido ed ha buon corpo, con un tannino appena accennato. Avrà anche 16 anni, ma l’acidità è ancora ben presente. Buona è anche la persistenza. Secondo noi ha un metodo di affinamento differente dalle annate successive.

Stesso discorso per il 1997. È rubino molto intenso. Escono su tutto aromi di caffè e note di tostatura. A seguire sfumature animali terziarie, cuoio soprattutto. Amaretti e tabacco dolce. Anche spezie fini, vaniglia soprattutto. Al palato ha buona intensità, con acidità e tannino ben presenti e amalgamati. Vino persistente e di grande beva. Probabilmente all’apice della sua curva evolutiva.

Una verticale veramente eccezionale! Tutti i vini si sono conservati benissimo. Il magnum si è dimostrato un ottimo formato per conservare i vini, sia per qualità che per quantità. Il Lagrein riserva di Muri-Gries come abbiamo già scritto in altri articoli, è secondo noi uno dei migliori Lagrein in commercio. Vino di grande struttura, eleganza e longevità, ad un prezzo  accessibile.

Molto interessante è stata anche la possibilità di confrontarsi con altri appassionati su aromi percepiti e sensazioni nel bicchiere. Senza dimenticare che il buon vino va bevuto in compagnia! Una bella esperienza che cercheremo di ripetere con altri ottimi vini. Seguite i nostri eventi se volete partecipare!

Degustazione Verticale di Lagrein riserva Abtei di Muri-Gries written by divin average rating 5/5 - 1 user reviews
ultima modifica: 2015-03-19T08:37:27+00:00

1 Comment

  1. cerro79 ha detto:
    Il numero uno dei lagrein Una verticale spettacolare che permette di vedere come evolve la produzione di una grandissima etichetta.

Lascia un commento

If you want to leave a review, please Login or Register first.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *